Senza categoria

multidisciplinarietà

Multidisciplinarietà e osteopatia

Dopo aver analizzato i limiti di un approccio alla salute non multidisciplinare e aver compreso come tale concetto viene interpretato dalla nostra clinica, ci poniamo la seguente domanda: può bastare quindi una professione per un lavoro sulla salute? Può bastare nella misura in cui il primo accesso alla problematica è risolutiva, tenendo conto che l’osteopatia è a sua volta una terapia...

multidisciplinarietà-clinica

La multidisciplinarietà alla guida della Clinica

Dopo aver appreso i limiti di un approccio alla salute non multidisciplinare, approfondiamo insieme al Dott. Marco Corvino il valore che ne dà Advanced Osteopathy Clinic. Quindi qual è dunque la nostra mission? Avvalersi di più professionisti che possano osservare lo stesso problema confrontandosi e percorrendo una strada terapeutica congiunta in campo osteopatico, e laddove non fosse sufficiente, con il supporto di...

multidisciplinarietà-limiti

I limiti di un approccio alla salute non multidisciplinare

Partiamo da un esempio. Immaginate di avere un dolore al ginocchio. Cosa fate ? La prima cosa che farete sarà chiamare il vostro medico di base. Questo seppur possa abbozzare una prima diagnosi, per precauzione, vi chiederà di effettuare una risonanza magnetica e un consulto con un ortopedico. Vi congederà probabilmente con un’ipotesi diagnostica, per esempio, di lesione del menisco. La seconda cosa che...

osteopatia

Come interviene l’osteopatia

In questo articolo di approfondimento illustriamo in quale ambito l’osteopatia può essere applicata e qual è la differenza con l’approccio allopatico, ossia quello che si basa sull'utilizzo di principi farmacologici o azioni curative contrari a quelli che hanno provocato la malattia e volti a contrastarne i sintomi. Per comprendere il concetto, immaginiamo una retta che segna il passare del tempo: Su questa...

lombalgia

Trattamento osteopatico e dolore lombare

Alcuni numeri La lombalgia è la causa più comune di invalidità, indipendentemente dalle cause, nei soggetti sotto ai 50 anni di età. Secondo una ricerca ISTAT è considerata la seconda causa di assenza dal lavoro. A partire dai 50 anni nell’80/90% dei casi vi è evidenza di problematiche degenerative discali. Cause principali Il dolore è localizzato in un’area compresa tra le scapole e la...

vertigini

Vertigini e osteopatia

Le vertigini sono un sintomo molto comune nella popolazione. Hanno una prevalenza che varia dal 22% al 39% secondo il paese, il sesso e le classi d’età. Numerose persone in età lavorativa lamentano episodi ricorrenti di vertigini, sostanzialmente invalidanti, basta pensare che negli USA sono la causa di circa 8 milioni di visite all’anno. Cause principali L’equilibrio è garantito da una serie...

mal-di-testa

Cefalea ed emicrania: come agire

Alcuni numeri Si stima che il mal di testa sia tra le 10 cause al mondo di disabilità e che nel nostro paese ci siano oltre 25 milioni di persone affette da questo disturbo. Si afferma inoltre che sia la terza malattia più riferita al mondo: tutti, almeno una volta all'anno, ne soffrono. Esistono diverse forme di mal di testa, ad...

problemi-temporomandibolari

Osteopatia e disturbo temporomandibolare

Si stima che in Italia ci siano 12 milioni di individui affetti da disturbi temporomandibolari ( ATM ), più frequenti nelle donne. Alcuni studi rivelano infatti che il rapporto tra femmine e maschi sia di 8 a 1. L’età più diffusa in pazienti affetti di questo disturbo è tra i 16 e i 45 anni. Come riconoscere il problema ? Qui in seguito...

vista-bambini

Come stimolare la vista nel bambino nel primo anno di vita

Dalla nascita fino al primo mese il bambino capta tutti gli stimoli visivi provenienti dall’ambiente ma non è in grado di elaborarli. Dai due mesi e mezzo percepisce i contorni e i contrasti: localizza o segue un oggetto di colore scuro su uno sfondo illuminato o chiaro. Tipico esempio è quando la mamma entra nella stanza del bambino e lui la...

insonnia

Alimentazione e trattamento dell’insonnia

Se è vero che, nei periodi in cui è richiesta una maggiore attività intellettiva, è possibile adoperare alcune soluzioni alimentari che sostengano e stimolino la vigilanza mentale, è anche vero che si possono adoperare delle soluzioni alimentari che favoriscano il riposo e aiutino a combattere l’insonnia e le alterazioni del ritmo sonno/veglia. Le persone che soffrono di insonnia possono favorire il...